Non te la do! Italian double pronouns. QUIZ

Some Italian pronouns can be combined together. Sometimes they can even merge together. Let’s learn different scenarios and solve a quiz.

Today we’ll see how some Italian pronouns can interact with one another and avoid repetitions when we speak. In particular, we’ll see how indirect/reflexive pronouns go together with some object pronouns and “ne” to form Italian double pronouns. For example:

  • Io do la mia macchina a voi (I give my car to you -> “I give it to you“) = Ve la do.

On one hand we have indirect pronouns (to me, to you, to him etc.) and the reflexives (himself/herself/themselves). This group is composed by MI TI GLI/LE SI CI VI (SI).

On the other hand we have object pronouns, only correspondent to it/them, in their masculine/feminine declination, and the partitive pronoun NE (“some of it”, “about it”, “from here/there”). In other words:

LO LA LI LE & NE

Now, you have to remember a rather simple rule: when they go together with an object pronoun, indirect/reflexive change into:

ME TE GLIE (for both GLI and LE) SE CE and VE

The overview below shows all the possible combinations

pronomi-combinati

 

All the double pronouns above are made of two separate words, except those with GLIE-.

The last line represents the “loro” as reflexive pronoun. e.g. Loro si lavano la faccia -> Se la lavano.

The indirect pronoun “a loro” should simply be LORO, but in modern Italian GLI is more common. e.g.

  • Abbiamo dato dei soldi a loro -> Gliene abbiamo dati.

Now we can see some real examples and practice. I am going to put together some sentences with different tenses and moods. They are only in Italian. Make an effort and try to understand them.

  • Ci presteresti la tua macchina? Ce la presteresti?

  • Mia sorella mi ha regalato una cravatta. Me l’ha regalata.

  • Ci scambieremo i regali a Natale. Ce li scambieremo.

  • Da bambino, mia madre non mi dava mai la coca cola. Non me la dava mai.

  • Mio fratello si è comprato una macchina nuova. Se l’è comprata.

  • Mi fai assaggiare un po’ di risotto? Me ne fai assaggiare un po’?

  • Luca mi aveva detto di non ascoltarti. Me l’aveva detto.

  • Vi dico di non arrivare in ritardo. Ve lo dico.

  • Puoi mandare due pacchi a noi? Ce li puoi mandare?

The last example is good for introducing an important rule. Normally, we can merge pronouns and verbs in one word when we have an imperativo, gerundio or infinito.

  • Ce li puoi mandare? = Puoi mandarceli?

  • Non parlare con me di calcio. = Non parlarmene.

  • Mario si sta mettendo le scarpe. = Sta mettendosele.

Please note: when a verb begins with a vowel or a H, LO and LA turn into L’.

  • Giulia si è tolta il maglione. = Se l‘è tolto.

  • Mia sorella mi ha cucinato il pesce. = Me l’ha cucinato.

Some examples are quite informal and use conversational structures. If you have questions, please let me know.

LOADING QUIZ…

When you will be familiar with Italian double pronouns, you will appreciate the convenience and the beauty of this set of rules. Are you ready for the quiz? Let me know if you have questions. Alla prossima!

About the author

Riccardo Cristiani

Head Teacher at Dante Learning, I was born in Milan, where I graduated in Italian Language and Literature at the “Università degli Studi”. I started to teach Italian online in Japan back in 2003, well before the Skype era. I usually spend my winters in Tokyo and come back to Italy after the cherry blossoms lose their petals.

5 Responses to Non te la do! Italian double pronouns. QUIZ

  • Barb Roughan

    Mi diverto molto le tue lezioni. Sono una studente di 65 anni, e apprezzo l’opportunita praticare gli esercisi. Grazie!

    • Riccardo Cristiani

      Grazie Barb, mi fa piacere. Riccardo.

  • Richard

    Grazie mille del suo aiuto. Qualche volta vedo il pronome oggetto davanti il ‘si.’
    Esempio: ‘Lo si dice così.’ Ci vuole gentilmente spiegare questa regola?

    • Riccardo Cristiani

      Salve Richard. Il caso che lei sta ponendo, riguarda il “si” impersonale dove “si” rappresenta un soggetto indefinito.

      * Il panettone è un dolce natalizio. LO SI prepara in tutte le pasticcerie. (= tutti lo preparano) * In questo caso, il pronome oggetto LO (= il panettone), va davanti al pronome SI.

      La differenza si vede se facciamo un paragone con il riflessivo SI, che è un altro pronome (anche se la parola SI è uguale).
      * Mario ha ricevuto un bel regalo. Non SE LO aspettava.* (= Lui non si aspettava il regalo) Il pronome LO va dopo il SI (che, come ho spiegato, si trasforma in SE).

      Spero sia più chiaro adesso. Buone feste!

  • Jafar

    Questu sono le sole cose trovo difficile. Un giorno li pardonaggerò!

Leave a Reply to Jafar Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *